Le dipendenze: la dipendenza affettiva

Tra le dipendenze che possono avere gli esseri umani in questo mondo, quella maggiormente vissuta e provata è sicuramente la dipendenza affettiva.

Come sai, chiamata spesso da me nei miei articoli “mal d’amore”.

 

 

 

 

 

 

VUOI UN AIUTO MIRATO e STRATEGIE EFFICACI

PER LIBERATI DALLA DIPENDENZA AFFETTIVA?

O DA UN NARCISISTA PATOLOGICO?

SCARICA GRATIS QUESTA GUIDA (CLICCA QUI)

 

 

 

 

Tutte le dipendenze generalmente vertono su mancanze e su dinamiche insane, soprattutto avvenute e realizzatesi nei primi anni di vita di una persona.

Benchè queste possano esercitare un impatto negativo nella vita di chiunque, protagonista e persone che lo circondano, c’è un modo per affrancarsi piano piano dal dominio di tale problema.

 

 

Dal libro RicominciAMo

 

 

 


Le dipendenze: dipendenze e cura

Il percorso di cura nelle dipendenze, e in particolar modo nella dipendenza affettiva, verte sul fare MARCIA INDIETRO.

In inglese è denominato Recovery, e consiste nell’intraprendere un percorso, appunto, di tipo volontario.

Per ritrovare un benessere serve comprendere di cosa è fatto un proprio equilibrio personale.

Solo così la persona può sganciarsi dalla dipendenza; sia essa per una droga, per il gioco o per una persona.
E’ tutto tranne che una GUARIGIONE SPONTANEA!

Semmai è un cammino, fatto di passi, uno dopo l’altro, nel quale la persona deve riprendere le redini della propria vita, riprenderne il potere, cosa che porterà a cambiare in maniera permanente le percezioni su di sè ed eventuali comportamenti inadeguati o distruttivi.

 

 

 

 

 

 

 

Dipendenza affettiva cura

Questo titolo può essere il riassunto di ciò che vuole chi soffre per amore.

Conciso, essenziale, univoco.

Perchè quando soffriamo per amore, non vogliamo altro che avere redenzione da quel malessere e dalla sofferenza.

Come ti ho spiegato però, condizione sine qua non è voler mettersi in gioco e andare all’indietro prima di andare avanti.

Questo perchè per trovare la cura alla dipendenza affettiva serve fare una matura riflessione sui propri aspetti della vita che fanno soffrire, sul circolo vizioso che è attivo.

Ecco perchè parliamo di una inversione di rotta, in quanto nessuno può andare avanti se prima non ritorna alle origini, invertiamo la rotta per incamminarci verso una realizzazione personale consapevole.

Ricordo di aver letto un libro tempo fa che ricordava come questo percorso fosse come una traversata nel proprio deserto interiore, interno.

Deserto che porta alla dipendenza stessa, deserto che implica una incapacità di amarsi da soli, di amarci meglio o di più.

 

 

 

 

 

 

 

 

Dipendenza affettiva: 5 punti da conoscere per avvicinarsi a soluzioni e cura

Immagina di digitare su google questa frase “Dipendenza affettiva cura”.

Per raggiungere buoni risultati di ricerca o trovare la chiave di volta, dovresti sicuramente capire queste 5 cose:

 

1 nella dipendenza affettiva la persona cerca al di fuori di sè, l’amore proprio.

Amore che la persona nella propria storia di vita, non è riuscito a sviluppare

 

 

2 le dipendenze affettive portano ad essere un secchio bucato.

Quindi per quanto avremo amore, nulla e nessuno riuscirà a soddisfarci

 

 

3 dipendenza affettiva quale cecità: nella persona dipendente c’è una incapacità di conoscere se stessa.

Non conosce cosa la fa stare bene e spesso gli interessi ricalcano quelli di chi gli sta vicini, sono i medesimi della persona che bramano.

Questo porta a fare le cose tanto per fare, senza dar valore al suo tempo, non saper gestire priorità e obiettivi, denigrando il proprio valore

 

 

4 vive una vita perennemente “in fila”.

Come fosse sempre in attesa e spera… spera le cose andranno meglio, spera la situazione si risolverà. Insomma vive sperando, aspettando.

 

 

5 la persona dipendente diventa nel tempo un contenitore.

Ovvero è vuoto da solo, bisognoso quindi di essere “riempito” dal valore, dalla presenza, dall’amore altrui.

Questo ovviamente porta ad avere una visione di sè negativa, pian piano si vede debole, incapace, disinteressato a chi è veramente e a cosa c’è dentro di lui!

A forza di allontanarsi da se stesso, diventa superficiale e vuoto!

Ecco poi emergere il bisogno e la dipendenza verso qualcun altro.

Ora rifletti bene su quello che ti ho spiegato, e se avessi bisogno vai a vedere qualche mio video specifico sulla dipendenza (canale YouTube Psicologa Ave Giada), e per avere consiglio più chiari, clicca qui.

Io, in caso, ti aspetto nei miei corsi (ebook e corsi, li trovi tutti cliccando su questo link> LINK

Non mollare, smettila di crogiolarti nelle tipiche trappole mentali e inizia a ricreare il tuo OGGI.

Un abbraccio. AG

 

 

 

 

 

 

Foto di Tim Samuel da Pexels
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0