Dimenticare qualcuno: vendetta e riconquista

Dimenticare qualcuno, soprattutto dopo la fine di una storia, è il normale e più comune desiderio di ogni essere vivente.

Dopo la chiusura di una storia d’amore infatti, la classica domanda che viene da porsi è come dimenticare una persona!

Oppure potrebbero emergere i tipici interrogativi quali …“come dimenticare una persona che amiamo?” o “come dimenticare una persona che ti ha fatto del male?”.

Oppure: “come dimenticare una persona che non ti vuole?”, “come dimenticare una persona che ti piace?”

 

 

 

 

 

VUOI UN AIUTO MIRATO e STRATEGIE EFFICACI

PER LIBERATI DALLA DIPENDENZA AFFETTIVA?

O DA UN NARCISISTA PATOLOGICO?

SCARICA GRATIS QUESTA GUIDA (CLICCA QUI)

 

 

 

 



Queste sono solo alcune delle domande a cui vorremmo risposte certe e chiare.

Ma queste nella vita di tutti i giorni, e soprattutto in ambito amore e relazioni, sono difficili da avere, e quanto al “dimenticare” devi sapere essere una dinamica che spesso viene dirottata e alterata da altri bisogni interni.

Per cui nonostante tu possa trovarti con un legame andato a pezzi, dolore, rabbia e voglia di dimenticare qualcuno, in concomitanza a questo bisogno primario, emergono altri 2 bisogni specifici: il bisogno di vendetta e il bisogno di riconquista.
 


 

 

Dimenticarsi di una persona: il bisogno di vendetta e di riconquista

Il bisogno di vendetta e il bisogno di riconquista emergono alla chiusura di un rapporto.

Questi bisogni dirottano chiunque verso necessità che come puoi capire, non portano ad alcun buon fine per se stessi.

Tali bisogni semmai allontanano da un proprio nuovo equilibrio e benessere.

 

Sebbene il bisogno di vendetta e il bisogno di riconquista possano sembrarti strani se associati, sono alquanto legati tra loro attraverso una medesima convinzione.

La convinzione è l’illusione che le proprie azioni possano influenzare lo stato d’animo dell’altro.

Per cui dopo la fine di una storia nonostante vogliamo dimenticare qualcuno, emerge spesso l’illusione che nel fare qualcosa la persona che non c’è più potrebbe avere una reazione, ricevere un contraccolpo, come se le nostre azioni potessero riconquistarla o fargliela pagare!

 

Invece di investire su di te è come se il tuo comportamento fosse indirizzato ad arrivare a chi non c’è più.

Come se avessi la speranza che le tue azioni possano sortire un effetto emotivo sull’altro.


Ma capisci che questo significa vivere in balia delle re-azioni di chi non c’è più?

 

 

 

 

Non perdiamoci di vista, stai con me quotidianamente

 

 

 

Dimenticare qualcuno: ecco l’errore che ti blocca

L’errore che spesso facciamo e che ci mantiene in uno stato di stallo emotivo è questo; sperare che i nostri comportamenti possano sortire un effetto emotivo su chi non c’è più.

Ma devi ricordare che se la relazione non è andata a buon fine, ciò implica che la persona che si è allontanata, lo è fisicamente ma anche emotivamente.


In altre parole i tuoi sforzi risulteranno inutili…. e tutte queste aspettative su un oggetto d’amore che non c’è più, non ti aiutano a riprendere un cammino sano.

 

 

 

 

Come dimenticare una persona: l’errore è il proprio punto di vista

Abbiamo capito che spesso il nostro modo di vedere e interpretare il legame che avevamo con una certa persona, è distorto.

Le aspettative che abbiamo sono infondate, le speranze non hanno ragione d’essere.

A volte molti di noi addirittura interpretano certi comportamenti del proprio ex quale interesse, anzichè semplice gentilezza o rispetto.

Per cui inizia a immaginare te stesso come una persona che alla fine di una storia si ritrova ceca.

Ceca in quanto incapace di vedere tutto e mettere assieme tutti i pezzi.

Come avessi la vista offuscata, potessi avere una sola parte di visuale, peraltro non sempre realistica perchè investita di aspettative e traduzioni PROPRIE.


Queste dinamiche ci bloccano, non ci fanno muovere dal proprio dolore, non ci permettono di staccarci quando le cose vanno male o di considerare chi non c’è più come “altro da se stessi”, rigettandolo se agisce comportamenti lesivi per il proprio equilibrio sentimentale.

Per cui ecco l’errore che spesso facciamo e che non ci permette di dimenticare o di prendere distanza: usiamo la vendetta o l’idea di riconquista sperando l’altro subisca le nostre azioni.

Fintanto non ti concentrerai unicamente su di te, benessere e un nuovo equilibrio, non saranno a portata di mano.
 
 
 

 

 

 

 


 
Se prima non accetti la realtà, sarà difficile poi capire come dimenticare una persona e usare il dolore che senti dentro come forza motrice per ricominciare.
Ti suggerisco quindi di accettare.

Non trovare scuse, non andare alla ricerca dei “se avessi fatto o detto”.

Questo è il primo step se vuoi uscirne, difenderti e proteggere te stesso, soprattutto se hai avuto a che fare con un narcisista patologico.

Dimenticarsi di una persona è possibile, ma prima hai bisogno di imparare a capire cosa c’è dentro di te, come rafforzarti, da dove nascono le tue paure.
Inizia a volerti bene anche da solo e NON ASPETTARE CHI NON TI VUOLE!!!!

 

 

 

 

 

Se hai bisogno di ricominciare e superare la fine della relazione, come dico sempre, anche una buona gestione del tempo, del tuo tempo personale è fondamentale.

Questo perchè la persona che non c’è più lascia un grande vuoto e dobbiamo imparare a ricostruire il nostro tempo di vita al meglio!

Ovviamente, nei casi in cui non riuscissi a ricominciare da solo, chiedimi aiuto, oppure una cosa che potrebbe esserti MOLTO utile, è quella di iniziare a intraprendere il mio percorso.
Sto parlando del percorso spiegato nel mio libro Ricominciamo, dove imparerai a liberarti da un amore malato, da una storia finita, o capirai come dimenticare qualcuno (leggi qui).
AG

 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0